Roma, 18 ott – Continua lo psicodramma di Asia Argento che ora, per la disperazione di tutti gli italiani, annuncia di voler lasciare l’Italia: “Non vedo cosa ci sto a fare, tornerò quando le cose miglioreranno per combattere le battaglie con tutte le altre donne”. Curioso questo appello alla solidarietà femminile da parte di un’attrice che solo pochi mesi fa ha pubblicato una foto di Giorgia Meloni scattata di nascosto in un ristorante, mettendo come didascalia “La schiena lardosa di una ricca e senza vergogna” e indicandola poi come “fascista beccata a mangiucchiare”. Davvero un caso di scuola di “solidarietà femminile”, tanto più che la leader di Fratelli d’Italia aveva da poco partorito e, quindi, il riferimento al suo fisico presuntamente non asciutto risultava doppiamente fuori luogo.


Ma a quanto pare Asia Argento ama l’unità delle donne solo quando si tratta di difendere lei, peraltro da una situazione ancora tutta da chiarire (dove sta scritto che nei confronti di Harvey Weinstein non valga la presunzione di innocenza?). Ad ogni modo, intervenendo alla trasmissione di Bianca Berlinguer su Rai 3, Carta Bianca, la Argento ha detto: “Sono a Berlino perché avevo bisogno di andarmene per un po’, il clima di tensione è abbastanza pesante su me e sulla mia famiglia, avevo bisogno di respirare”. Poi ha confidato il suo stato d’animo dopo aver rivelato le molestie subite da Weinstein: “Devo ancora capire chi sono. Però è come se si fosse spalancato un portone enorme, sento accanto a me migliaia di persone, non mi sento più sola nelle mie battaglie. Una donna con un suo punto di vista personale viene definita spesso o troia o pazza, io non mi sento nessuna di queste cose. Sono una mamma, una donna che lavora e paga le tasse, ho persone che mi vogliono bene, mi sento una donna libera finalmente”.

Roberto Derta

7 Commenti

  1. Asia Argento è diventata attrice grazie alla famiglia, ma recita male come la madre. Sa solo recitare nella vita, anziché sulla scena. Darà anche della fascista alla Meloni, ma di lei si potrebbe a ragione dire che se “ancora non sa chi è” lo deve a tutta la coca che ha aspirato. Sulle tasse poi, beh.. bisognerebbe verificare. Quando mai questi le pagano davvero ed interamente? Perché, da perfetta comunista sinistrata, non se ne va a vivere in Arabia Saudita o nell’Africa nera? Forse perché lì se ti beccano con la droga finisci alla pena di morte?

  2. …”devo capire chi sono?” Ala sua età si esprime come un adolescente, prova con uno pschiatra, in Germania ne hanno di ottimi. Oppure per “respirare” faccia la vita di molte donne che si alzano all’alba e lavorano fino a tardi per portare avanti la famiglia.

  3. non date visibilita’ a queste “cose” se gliela date fate il loro gioco considerateli per cio’ che sono il nulla ….

Commenta