Roma, 14 set – “Eccoli, porti aperti senza limiti…” Così l’ex ministro dell’Interno Matteo Salvini commenta su Facebook la decisione dell’Italia di assegnare alla nave Ong Ocean Viking, con 82 immigrati irregolari a bordo, come porto sicuro di sbarco Lampedusa. “Aprire i porti – ha quindi aggiunto a margine dell’assemblea degli amministratori locali della Lega a Milano – non è un dispetto a Salvini ma un danno per milioni di italiani, è un favore agli scafisti. La redistribuzione in Europa sono solo parole. Io sto ancora aspettando che altri Paesi in Europa se ne prendano alcune migliaia di quelli che avevano detto di prendersi. E’ la resa“. Poi l’attacco al premier: “Fra le promesse di Conte all’Europa c’era evidentemente di fare dell’Italia un campo profughi”.


L’invito ai sindaci della Lega: “Dite no alla redistribuzione”

“Dico ai sindaci di dire no: ridistruibuiranno i profughi in giro per l’Italia, ma gli amministratori della Lega diranno di no“. Annuncia il leader del Carroccio all’assemblea degli amministratori locali della Lega a Milano. “Da voi mi aspetto un rispettoso no: non ci stiamo, prima vengono i cittadini italiani” ha aggiunto Salvini.
“Dopo 14 mesi torna in un porto italiano una nave senza che il governo dica nulla”, conclude.

Adolfo Spezzaferro

Commenta