Roma, 9 mag – Il governo Lega-M5s è fatto al 75%. Secondo quanto appreso dal nostro giornale, questa notte Matteo Salvini grazie alla mediazione del governatore della Liguria Giovanni Toti ha convinto Silvio Berlusconi a lasciare libero campo alla Lega per trattare con Di Maio. Forza Italia così opterà per un’astensione consapevole in cambio di tre ruoli chiave ministeriali di garanzia. Di fatto quindi non sarebbe una totale esclusione dai giochi per il partito del Cavaliere, che anzi si mostrerebbe più a galla che mai.
Il “veto tolto” oggi da Di Maio confermerebbe che a questo punto i Cinque Stelle non si metterebbero di traverso. Come riportavamo nel precedente pezzo sulla trattativa di governo in atto, entro 24 ore, ma quasi sicuramente prima, Salvini e Di Maio dovrebbero annunciare la loro decisione grazie anche al tempo concesso dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella.
Ecco allora che quando la strada sembrava segnata in direzione di un tentativo di “governo neutrale” proposto dal Colle o per le elezioni anticipate auspicate da Carroccio e pentastellati, la partita per un esecutivo formato dalle due forze che hanno ottenuto più voti il 4 marzo entra più che mai nel vivo. Anzi, è vicina al fischio finale che garantirà loro la formazione del governo.


3 Commenti

  1. Non sono ne ottimista ne tanto meno pessimista…..adesso vediamo che cosa succede…..una cosa è certa….meglio del pd lo è sto nuovo governo

    • A fare meglio del pd ci riuscirebbe anche un esecutivo con mia nonna come premier e le sue amiche di “chiacchera” come ministri! Scommettiamo?

  2. …speriamo in bene. Comunque pur di evitare governi “neutri” “del Presidente e non del Popolo” per veder evaporare Bonino Renzi e ultras europeisti andrei a votare a Luglio Agosto oppure al Polo. Sostengo da sempre CP ma ora occorre essere pragmatici e se fosse necessario votare Lega. È il massimo che possiamo ottenere per la nostra sovranità e per la Nazione.

Commenta