Salerno, 2 gen – Sberle, spintoni, pugni, calci: l’ennesimo caso di violenze e maltrattamenti ai danni di bambini in età prescolare ha avuto luogo nella scuola materna “Tempi d’Infanzia” di Sant’Egidio Monte Albino, in provincia di Salerno. Sono due le misure cautelari interdittive eseguite questa mattina nei confronti di una socia e di una collaboratrice scolastica dell’asilo. Smascherate dalle telecamere, le due donne si sono rese protagoniste di “rinnovate e sistematiche minacce, percosse e violenze, gravi coercizioni e punizioni inflitte in danno dei bambini alle medesime affidati”.


Per un anno sarà loro interdetto l’accesso alla scuola e verranno processate per maltrattamenti nei confronti di minori. Nel corso dell’anno scolastico 2017/2018 altre due insegnanti abilitate, proprio a causa di queste reiterazioni, si erano licenziate non sopportando il ricorso sistematico alla violenza messa in atto dalle due donne; verso la fine dell’anno queste rimanevano addirittura da sole all’interno della scuola, senza personale qualificato che le affiancasse. Anche su questo fatto ci sono verifiche in corso da parte delle forze dell’ordine.

L’indagine degli inquirenti, diretta dal sostituto procuratore Viviana Vessa, trae origine dalla denuncia dei genitori di due bambini e delle due maestre, oltre che dall’attività investigativa e dalle riprese video, captate all’interno della scuola dalla polizia di Stato.

Le reiterate violenze della socia e della collaboratrice scolastica della scuola materna “Tempi d’Infanzia”, evidenzia il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Nocera Inferiore, Leda Rossetti, “non erano isolati, ma venivano ripetuti nel tempo nei confronti di tutti i minori e costituivano risposte certamente sproporzionate rispetto alle cause e alle finalità perseguite”.

Commenta