Reggio Emilia, 19 set – Il sindaco Pd di Bibbiano Andrea Carletti ora passa al contrattacco. Sospeso dall’incarico, auto sospesosi dal partito e attualmente ancora ai domiciliari nell’ambito dell’inchiesta “Angeli e demoni” sul sistema di affidi illeciti in Val d’Enza della Procura di Reggio Emilia, ha presentato un “querelone” indicando 147 fra post sui social e e-mail dal contenuto diffamatorio, offensivo o minaccioso nei suoi confronti. Lo riporta la Gazzetta di Reggio.


E il denunciato più illustre è nientemeno che il ministro degli esteri Luigi Di Maio, che a metà luglio diffuse sui social il famoso video in cui diceva: “Col Pd non voglio avere niente a che fare. Col partito che fa parte dello scandalo di Bibbiano, con i bambini tolti ai genitori e addirittura sottoposti a elettroshock e mandati a altre famiglie, con il sindaco Pd che è coinvolto in questo, non voglio avere niente a che fare”. Erano appena dietro l’angolo la crisi di governo e l’inciucio con il “partito di Bibbiano”.

La denuncia dei 147 messaggi potrebbe essere solo l’inizio: i legali di Carletti stanno esaminando altri messaggi e email dal contenuto simile. Nel frattempo il sindaco, indagato per abuso d’ufficio e falso ideologico, è in attesa della pronuncia del tribunale della Libertà sul suo ricorso contro i domiciliari a cui è sottoposto da fine giugno, sempre per reati che non riguardano gli abusi terapeutici sui minori, al centro dell’inchiesta.

Cristina Gauri

1 commento

  1. In ogni caso l’iter è lungo e tutto può ancora succedere. Come insegnano gli esperti ci sono molte circostanze che possono escludere una condanna per diffamazione: diritto di cronaca, diritto di critica, “provocazione” (consiglio la lettura di: https://www.diffamazioni.it/denuncia-per-diffamazione-come-e-cosa-fare/, ad esempio, per capire quanto sia complessa la questione). Senza contare le ipotesi in cui il codice penale espressamente prevede la possibilità di provare la “verità del fatto” per escludere la punibilità…

Commenta