Roma, 16 set – Con il Movimento 5 Stelle nei municipi di Roma non ci si annoia mai. Tra giunte che cadono, cambi di casacca e tensioni continue, il dilettantismo delle centinaia di pentastellati eletti nelle amministrazioni territoriali romane è una fonte continua di situazioni divertenti o paradossali. Ieri la notizia di una degli episodi più incredibili: il presidente M5S del V Municipio della Capitale, Giovanni Boccuzzi, sarebbe stato aggredito con un morso sul naso da un altro consigliere pentastellato, Alessandro Stirpe. A riportare la notizia è l’AdnKronos, l’agenzia che vanta le migliori fonti interne tra le fila dei 5 Stelle romani.


Stirpe aggredisce il presidente Boccuzzi

Il morso sul naso rifilato da Stirpe a Boccuzzi sarebbe soltanto il finale di una lite nata da “rapporti umani ormai deteriorati” tra i due e non da questioni politiche. L’aggressione sarebbe avvenuta al termine di una seduta del Consiglio municipale piuttosto tesa, in un lasso di tempo compreso tra le 15.30 e le 16.30 nella stanza dell’assessore alla Cultura e allo sport Maria Teresa Brunetti (quest’ultima sembrerebbe estranea alla lite). Nella stanza si trovavano Stirpe e il consigliere Monia Medaglia, anch’essa in pessimi rapporti con Boccuzzi.

Questa la ricostruzione dell’Adn. L’assessore sta lavorando al computer e nella stanza ci sono anche i due consiglieri. Entra il presidente Boccuzzi, nasce la discussione e i toni si accendono. Ad un certo punto Alessandro Stirpe perde il controllo e morde sul naso il compagno di “partito”. Boccuzzi è scosso e inizia a perdere sangue. Contattato dall’AdnKronos non chiarisce se sporgerà denuncia o meno: “Denuncerò? non rispondo. Queste sono cose private che non devono interessare”.

Gli altri consiglieri chiedono l’espulsione di Stirpe

Nessuno dei diretti interessati smentisce l’aggressione subita dal presidente Boccuzzi, nemmeno il presunto aggressore Stirpe: “Non c’è nulla da commentare, continuerò a far parte del movimento lavoro per il bene del territorio e ci sono ancora tante cose da realizzare, tanti progetti da portare a termine a beneficio dei cittadini”. Nel frattempo cresce il malcontento della maggioranza dei consiglieri M5S fedeli al presidente Boccuzzi, che nei prossimi giorni si riunirà probabilmente per chiedere l’espulsione di Stirpe.

Davide Di Stefano

1 commento

Commenta